Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

Gruppo Campari: continua espansione della marginalità grazie alla performance dei brand globali

  • di RED-ROM
  • in Aziende
Bob Kunze-Concewitz, Ceo Gruppo Campari
Bob Kunze-Concewitz, Ceo Gruppo Campari
(PRIMAPRESS) - MILANO  — Il Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. ha approvato il progetto di bilancio di esercizio e il bilancio consolidato al 31 dicembre 2018 mostrando una performance in termini di crescita organica ed espansione della marginalità che rispecchia una coerente delivery strategica di lungo termine come ha sottolineato lo Chief Executive Officer del gruppo, Bob Kunze-Concewitz.
Negli ultimi quattro anni Campari Group ha raggiunto un incremento cumulativo del margine lordo sulle vendite guidata dal mix favorevole quest’ultime e dell’effetto accrescitivo delle operazioni di Merger&Acquistion, incluse le cessioni di asset non strategici, e dell’effetto cambio per la parte rimanente. “Questo importante risultato - ha evidenziato Kunze - ha permesso il rafforzamento degli investimenti in attività di brand building e nelle strutture commerciali, per sostenere la crescita nel lungo termine. Inoltre, ci ha permesso contestualmente di aumentare la redditività operativa a un ritmo superiore alla crescita delle vendite, realizzando un’espansione del margine di +300 punti base5 complessivamente negli ultimi quattro anni, di cui +130 punti base in termini organici”.
Le prospettive del marchio del gruppo di beverage rimangono sostanzialmente bilanciate in termini di rischi e opportunità in un contesto caratterizzato da persistente incertezza macroeconomica e volatilità delle valute, in particolare nei mercati emergenti. 
“Prevediamo - ha concluso il Ceo di Campari - che l’attuale trend favorevole della performance organica del business possa proseguire, mentre continuiamo a fronteggiare le sfide provenienti dall’aumento del prezzo d’acquisto dell’agave. Nonostante ciò, rimaniamo fiduciosi circa il conseguimento di una performance positiva nel 2019 per i principali indicatori organici, trainata dalla continua sovra performance dei principali brand a priorità globale e regionale a elevata redditività nei mercati chiave del Gruppo”. - (PRIMAPRESS)