Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

I laboratori di Riccardo Mannelli alla Tricromia Art Gallery per una personale che parla d'amore e politica

I laboratori di Riccardo Mannelli alla Tricromia Art Gallery per una personale che parla d'amore e politica
(PRIMAPRESS) - ROMA - La galleria d’arte che si trasforma in laboratorio e dove le opere prendono forma attraverso il contatto con il pubblico. E’ questo il mood che ispira Vernice Art Collection, la rassegna che sarà aperta dal 17  al 31 maggio prossimi presso Tricromia Art Gallery. Protagonista dello spazio-laboratorio è Riccardo Mannelli che cosi si racconta: “Ogni tanto lo faccio. Ogni tanto mi piace trasferire il mio studio in galleria, o almeno una parte. Mettere in mostra il mio quotidiano, i miei lavori in fieri, le mie indecisioni, gli entusiasmi di mezz'ora rimasti tali, i dubbi, i "boh..?". Per non mostrare sempre la sicurezza dell'opera compiuta, che a volte mi risulta tronfia e un po' prepotente. È un alleggerirsi. Come una comminata in montagna: arrivato in vetta, l'aria rarefatta ti scombussola e cambi sguardo sulle cose.  Corpi, volti, amori, politica e attualità sono i temi centrali della mostra, del disegnatore toscano.Sono esposti Dieci minuti di…, Dal vero, Ritratti, molti dei progetti principali di Mannelli ma anche molti incompiuti. Questa scelta è nata dalla necessità di far interagire tre realtà che spesso sono separate: il pubblico, l’artista e la galleria.  Questo momento si trasforma in un’occasione per confrontarsi, per vedere il proprio lavoro compiersi sotto lo sguardo e lo stimolo di un occhio esterno che può essere quello di un collezionista, abituato all’arte, o semplicemente quello di un curioso.L’idea della mostra è quindi di creare uno spazio in cui un’opera può nascere dall’idea di Mannelli ma costruita con il coinvolgimento del pubblico che così diventa parte dell’opera stessa. - (PRIMAPRESS)