Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin” e di Google Analytics. Clicca sul bottone "Accetto" o continua la navigazione per accettare. Maggiori informazioni
Skin ADV

A Londra il primo appuntamento del road show "Come to Leonardo, come to Milan" con lo storico Martin Kemp

A Londra il primo appuntamento del road show "Come to Leonardo, come to Milan" con lo storico Martin Kemp
(PRIMAPRESS) - MILANO - Presentato il road show “Come to Leonardo, come to Milan” nella sede della Fondazione Stelline a Milano, la mostra dedicata alla presentazione del palinsesto “Milano e Leonardo500” con il primo appuntamento a Londra alla National Gallery venerdì 18 gennaio e vedrà la presenza di Martin Kemp, uno dei massimi esperti al mondo di Leonardo. L’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno ha illustrato le prime tre tappe del tour internazionale che lo vedranno impegnato dopo Londra anche a Parigi il 12 febbraio alla Gare de Lyon e poi a Berlino il 25 febbraio all’Istituto Italiano di Cultura. «Il programma “Milano e Leonarado 500”, dopo New York, sarà presentato a Londra, a Parigi, a Berlino» ha dichiarato l’Assessore Del Corno che ha voluto sottolineare come «il genio di Leonardo travalica i confini tra i diversi rami della conoscenza, così come quelli di qualunque nazione, consegnando la sua eredità al mondo intero».
Durante le tre tappe verrà presentato il cortometraggio del film Essere Leonardo da Vinci, di e con Massimiliano Finazzer Flory, che è stato proiettato in anteprima anche nella conferenza stampa milanese alla presenza del regista. 
Il presidente della Fondazione PierCarla Delpiano interverrà all’evento della National Gallery per annunciare la mostra internazionale L’Ultima Cena dopo Leonardo curata da Demetrio Paparoni (2 aprile - 30 giugno 2019), un’esposizione che attraverso le opere di artisti di fama internazionale vuole essere un omaggio alla contemporaneità del Genio. “L’ultimo progetto del nostro Hub Leonardo sarà la mostra che sei grandi artisti contemporanei dedicheranno al grande capolavoro del Cenacolo, proprio come fece Andy Warhol con la serie The Last Supper esposta per la prima volta nel 1987 alle Stelline, di cui un’opera è qui custodita dalla proprietà», ha dichiarato oggi PierCarla Delpiano. «È un grande orgoglio poter portare a una platea internazionale così importante la proposta dedicata all’arte contemporanea che la Fondazione ha voluto mettere in campo per questa straordinaria occasione”. - (PRIMAPRESS)